Berlusconi Milan: "Mi vergogno, venderei il club". Silvio torna da Marte e condanna Allegri

La Stampa riporta alcune sconcertanti dichiarazioni che Silvio Berlusconi avrebbe reso ai suoi collaboratori. E, nonostante l'evidente illogicità delle sue parole, alla fine sarà Allegri a pagare il conto per tutti

berlusconi-allegri-esonero.jpg


"Che brutto spettacolo. Mi vergogno. Se trovassi qualcuno che mi compra il Milan, lo venderei subito". Queste le parole che, secondo La Stampa, Silvio Berlusconi avrebbe rivolto ad alcuni anonimi confidenti, dopo il pessimo inizio di stagione da parte dei rossoneri. Ammesso che venga confermata, una tale esternazione non può non avere conseguenze pratiche: che non si concretizzeranno nella cessione del club, ovviamente, ma nella testa rotolante di Massimiliano Allegri.

A quanto pare, insomma, negli ultimi mesi il Presidente Onorario è stato in vacanza ai margini più remoti della Galassia: tornato finalmente sul pianeta Terra, ha ritrovato la sua squadra improvvisamente regredita a uno stadio primitivo. Lui, ovviamente, non ne sapeva nulla e ora chiede che il responsabile dello scempio, l'allenatore, gli dia finalmente soddisfazione: un singolar tenzone dal finale già scritto.


Ora, degli errori del tecnico stiamo parlando diffusamente in questi giorni. Ci sono e non sono più mascherabili da Ibrahimovic. Ma il fatto che Allegri sia considerato l'unico colpevole dell'immiserimento del Milan non è altro che la riprova del distacco dalla realtà di Silvio Berlusconi; o, in alternativa, della sua faccia di bronzo (entrambe opzioni rassicuranti, in vista della Nuova Discesa in Campo).


Difficilmente, però, questa volta riuscirà a ingannare qualcuno. Gli eventi degli ultimi anni, dalla finta cessione di Kakà al City fino alla svendita parigina, passando dalle buffonate Tevez-Pato, hanno eroso la sua credibilità agli occhi dei tifosi, che hanno compreso da tempo che l'interesse del Presidente Onorario per la sua creatura è ormai sceso al livello di evitabile fastidio. La responsabilità di quanto successo al Milan è quasi interamente da attribuire alla cattiva programmazione del club e alle sue strategie irrazionali, e solo in minima parte allo stato confusionale di Massimiliano Allegri. Che pagherà per tutti, ormai è chiaro, ma non sarà l'assassino agli occhi di nessuno.

Vota l'articolo:
3.33 su 5.00 basato su 3 voti.  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO