Caro Povero Diavolo, ritirati per favore

Lettera aperta di un tifoso rossonero al suo Povero Diavolo. Ritirati Povero Diavolo. Per un anno posso aspettare.

milan-anderlecht.jpg


Caro povero Diavolo, ti scrivo. Sono un tuo tifoso da tutta la vita. Da dentro la pancia della mia mamma. Da quando mio papà mi diceva che il Milan aveva fatto la storia con Gianni Rivera. Da quando il mio papà mi raccontava che San Siro era pieno mentre perdevi con la Cavese.

Ti voglio ringraziare per avermi regalato 20 anni di successi. Per due decenni ho preso per il culo un po' tutti. Ti ringrazio per avermi regalato ogni istante. Dal dominio di Sacchi a quello di Capello. Grazie per il gol di Kaka' a Manchester. E' stata la prima volta che ho pianto per un gol. E grazie anche per la notte di Istanbul. Perché senza quella non avrei pianto (di nuovo) nella notte di Atene gustandomi la vendetta sui Reds.


Ora però ti chiedo di fermarti. Basta così. Posso resistere per un anno. Tu goditi la vacanza parigina con Ibra e Thiago. Guarda la Tour Eiffel e compra un sacco di baguette. Lasciami tranquillo per questa stagione. Smettila. Non farmi vedere i capelli di Mexes. Il 10 sulla maglia di Boateng. Antonini titolare. Caro povero Diavolo, dai tutte le colpe del mondo a quel poveraccio di Allegri. Mandalo al macello, ma chiudila qui. Basta, per favore. Non sei divertente. Il Diavolo non può far ridere. Il Diavolo fa paura. Fa battere il cuore. Qui non c'è neanche un battito. Neanche un fremito. Fai tenerezza. E il Diavolo non può fare tenerezza.


Stanotte vado a dormire con il biglietto della partita con il Real Madrid. Ti ricordi povero Diavolo? Cinque pere e festa grande. Ero un ragazzino. Quel giorno entrando allo stadio mi diedero un volantino: "Al Bernabeu è stata una bolgia. Ora loro vedranno che San Siro è un INFERNO". Giuro. Era scritto così. INFERNO. E io vidi le fiamme dell'inferno. Sugli spalti e sul campo. Caro povero Diavolo, questa sera con l'Anderlchet non ho visto neanche una misera candela. Un lumino dell'Ikea. Cosa posso fare? Hai bisogno di una scatola di cerini? Se vuoi passo dal tabaccaio e la compro. Te la regalo. Fammi sapere. A presto povero Diavolo.


Per sempre tuo. Un tifoso rossonero.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO