Olimpiadi Rio 2016: Stadio Olimpico rischia il crollo

Scritto da: -

Ancora problemi per il comitato organizzatore delle Olimpiadi: lo Stadio Joao Havelange di Rio è a rischio crollo

rio-2016.jpg

A circa tre anni dalle Olimpiadi di Rio De Janeiro 2016, continuano i problemi per il comitato organizzatore. La città che nei prossimi anni si prenderà praticamente il meglio dello sport (nel giugno 2014 sono infatti previsti i Mondiali di calcio) sta vivendo una sorta di psicodramma per una serie infinita di intoppi.

L’ultimo, e il più grave, riguarda stadio Olimpico, intitolato all’ex presidente della Fifa Joao Havelange, e costruito per i Giochi panamericani nel 2007: stando ad un sopralluogo effettuato lo scorso martedì, l’impianto sarebbe a rischio crollo. “Crepe e oscillazioni”, si legge nel verdetto della commissione che ha effettuato i controlli, mettono a rischio la tenuta della copertura, che potrebbe venire giù assieme ai 150 milioni di euro spesi per realizzarlo.

Il sindaco Eduardo Paes ha immediatamente decretato la chiusura dell’impianto “a tempo indeterminato”. “Meglio intervenire subito che assistere a una tragedia. Lo stadio sarà inagibile fino a che sarà necessario: se mi dicono un mese, sarà un mese. Se mi dicono un anno, sarà un anno”, ha ancora aggiunto il primo cittadino di Rio de Janeiro.

Insomma, ora si metterà subito mano alla ristrutturazione, ma l’importante è che i lavori siano terminati entro tre anni. Il tutto, mentre gli atleti olimpici brasiliani accusano il Paese di pensare esclusivamente alla coppa del Mondo di calcio, visto il ritardo attuale nei lavori. A poco più di un anno dalla manifestazione solo 2 stadi su 12 sono pronti, 2 su 6 tra quelli che a giugno ospiteranno la Confederations Cup.

Allo stadio Maracanà è in corso una task force con 6.500 operai al lavoro per terminare il tutto entro il 2 giugno, data in cui è prevista la gara Brasile-Inghilterra, mentre il 16 è in programma Italia-Messico. 

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!