Caro Povero Diavolo, ritirati per favore

Scritto da: -

Lettera aperta di un tifoso rossonero al suo Povero Diavolo. Ritirati Povero Diavolo. Per un anno posso aspettare.

milan-anderlecht.jpg

Caro povero Diavolo, ti scrivo. Sono un tuo tifoso da tutta la vita. Da dentro la pancia della mia mamma. Da quando mio papà mi diceva che il Milan aveva fatto la storia con Gianni Rivera. Da quando il mio papà mi raccontava che San Siro era pieno mentre perdevi con la Cavese.

Ti voglio ringraziare per avermi regalato 20 anni di successi. Per due decenni ho preso per il culo un po’ tutti. Ti ringrazio per avermi regalato ogni istante. Dal dominio di Sacchi a quello di Capello. Grazie per il gol di Kaka’ a Manchester. E’ stata la prima volta che ho pianto per un gol. E grazie anche per la notte di Istanbul. Perché senza quella non avrei pianto (di nuovo) nella notte di Atene gustandomi la vendetta sui Reds.

Ora però ti chiedo di fermarti. Basta così. Posso resistere per un anno. Tu goditi la vacanza parigina con Ibra e Thiago. Guarda la Tour Eiffel e compra un sacco di baguette. Lasciami tranquillo per questa stagione. Smettila. Non farmi vedere i capelli di Mexes. Il 10 sulla maglia di Boateng. Antonini titolare. Caro povero Diavolo, dai tutte le colpe del mondo a quel poveraccio di Allegri. Mandalo al macello, ma chiudila qui. Basta, per favore. Non sei divertente. Il Diavolo non può far ridere. Il Diavolo fa paura. Fa battere il cuore. Qui non c’è neanche un battito. Neanche un fremito. Fai tenerezza. E il Diavolo non può fare tenerezza.

Stanotte vado a dormire con il biglietto della partita con il Real Madrid. Ti ricordi povero Diavolo? Cinque pere e festa grande. Ero un ragazzino. Quel giorno entrando allo stadio mi diedero un volantino: “Al Bernabeu è stata una bolgia. Ora loro vedranno che San Siro è un INFERNO”. Giuro. Era scritto così. INFERNO. E io vidi le fiamme dell’inferno. Sugli spalti e sul campo. Caro povero Diavolo, questa sera con l’Anderlchet non ho visto neanche una misera candela. Un lumino dell’Ikea. Cosa posso fare? Hai bisogno di una scatola di cerini? Se vuoi passo dal tabaccaio e la compro. Te la regalo. Fammi sapere. A presto povero Diavolo.

Per sempre tuo. Un tifoso rossonero.

Vota l'articolo:
3.92 su 5.00 basato su 52 voti.  
 
Aggiorna
  • nickname Commento numero 1 su Caro Povero Diavolo, ritirati per favore

    Posted by:

    Non possiamo uscire dalla coppa ed essere retrocessi perché Silvio Berlusconi deve affrontare la campagna elettorale. Avrei accettato le svendite, i ritiri, ecc. se sul campo avessero dato l\'anima. E, invece, Boateng si fa fotografare in copertina con l\'ex-velina, Pato fa notizia soltanto per Barbara - senza contare gli infortuni - e non c\'è stato un cambio generazionale. Mettessero in campo la Primavera... non sfigurerebbe quanto i \"campioni\" (!?). Da un lato c\'è la crisi economica, dall\'altro le elezioni alle porte. La squadra della mia città, Varese, non ha una lira ma i giocatori sputano sangue e dal fallimento che ha portato al cambio del nome - quando andavo in curva si chiamava Varese F.C., adesso è Varese 1910 - alla ripartenza dai dilettanti, ecc. è arrivata in Serie B. Il Milan rischia di finirci perché manca la verve, per usare un eufemismo. Dov\'è lo stile che ha contraddistinto la squadra da quand\'è nata? Lo scorso anno mi sono stupito dei risultati, perché temevo sarebbe già andata così. Quest\'anno faccio fatica a guardare una partita. Vivendo a 10km di distanza mi verrebbe voglia d\'andare a Solbiate per insultarli, ma farei soltanto la figura del pazzo. Ci vorrebbe un medico che li defibrillasse tutti. Scritto il Date —

  • nickname Commento numero 2 su Caro Povero Diavolo, ritirati per favore

    Posted by:

    basta con queste lamentele, è una stagione che va così, si preferisce mettere a posto i conti(punto). se per un anno non si vince niente pazienza.Farina ha detto che lui i campioni li teneva, ma ci ha fatto quasi fallire, è questo che vogliono i tifosi milanisti? ma che tifosi sono questi?Ora stiamo vivendo un periodo negativo come lo è stato quando perdevamo con la cavese, perdendo a istanbul, perdendo con il rosemborg in casa, e poi siamo andati in fibrillazione per le vittorie nate da quelle ceneri; abbiate pazienza, torneremo ancora grandi, la dirigenza è la stessa di allora. Anche nel 2006 la stagione partì malissimo e tutti volevano la testa di ancelotti, poi la stagione finì con una champions sontuosa; quest\'anno non accadrà, ma diamo tempo al tempo, passare qualche anno nelle retrovie non è nulla in confronto al rischio di fallimento della società. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Sportemotori.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Sport di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano